I social network: simbolo della tecnologia frutto di isolamento sociale?

  • Scritto da:

I progressi della tecnologia negli ultimi trent’anni sono stati velocissimi e hanno cambiato radicalmente la vita quotidiana e di conseguenza le abitudini: basti pensare al fatto che oggi si possono effettuare operazioni bancarie direttamente dal proprio smartphone senza doversi recare presso uno sportello bancario.

Si pensi anche agli smartphone stessi, che nel giro di meno di vent’anni si sono imposti come oggetto ormai indispensabile per la quotidianità. Di questa rivoluzione ed evoluzione nel mondo della tecnologia fanno parte, ovviamente, anche i social network.

Tuttavia questo mezzo di comunicazione, nato per rendere la vita quotidiana più “social”, potrebbe invece diventare rischiosa fonte di isolamento sociale nella vita reale.

I social network rischiano di portare all’isolamento sociale?

Secondo uno studio i cui esiti sono stati resi pubblici sull’importante e conosciuto American journal of preventive medicine, utilizzare troppo i social network porterebbe all’insorgere di un rischio che a pensarci ha quasi del paradossale, ovvero a quello di un isolamento nella vita reale, quella che si vive una volta usciti di casa.

I risultati dello studio sono stati raggiunti prendendo in esame poco meno di duemila giovani residenti negli Stati Uniti d’America e potrebbe far venire meno quello che è stato ed è ancora oggi il motivo fondante di ogni social network, a partire da Facebook, quello di aumentare la rete sociale degli individui.

Modalità e risultati della ricerca

Come detto, la ricerca che ha cercato di capire gli effetti della tecnologia intesa come social network sui giovani, ha preso in esame le abitudini di poco meno di duemila giovani residenti negli Stati Uniti d’America: i giovani interpellati sono stati per la precisione 1787 e la loro età era compresa tra i 19 ed i 32 anni. tecnologia e social

A tutti è stato chiesto di compilare una serie di questionari volti a capire le loro modalità di utilizzo di undici social network, tra cui sono stati ovviamente inseriti Facebook, Twitter, Google + e Instagram.

Stando ai risultati della ricerca, coloro che trascorrono almeno due ore al giorno sui social network generalmente intesi sono più esposti di altri alla possibilità di sentirsi socialmente isolati.

Inoltre, stando sempre agli esiti della ricerca, chi nell’arco di una settimana visita i social una media di sessanta volte, corre un rischio ben maggiore di sensazione di isolamento sociale di chi limita le visite a non più di dieci a settimana.

L’analisi dei risultati

La ricerca pone sicuramente l’accento su un lato negativo del progresso del mondo della tecnologia, anche se non spiega se l’uso smodato dei social network sia la causa della percezione di isolamento sociale o viceversa.

Questo aspetto è stato esplicitato dai ricercatori stessi, i quali hanno anche avanzato l’ipotesi che chi usa molto i social lo faccia perchè già alle prese con una sensazione di isolamento nella vita reale.

Inoltre, sempre secondo i ricercatori, va anche valutata la possibilità che la sensazione di non sentirsi parte di un microcosmo sociale al di fuori dei social dipenda anche dall’idea distorta che chi li usa si fa delle vite altrui, che attraverso questo mezzo di comunicazione simbolo della tecnologia sembrano sempre migliori di quel che sono realmente.

Fonte: Tecnologia Sky TG24