Arte e artigianato artistico convivono e convincono su FGHI

  • Scritto da:

Come si può fare a proporre commercialmente opere d’arte e di artigianato artistico su Internet? Ed è lecito, moralmente, vendere attraverso l’ecommerce questo tipo di arte? Come si può mettere insieme l’avanguardia tecnologica  con opere che se pur contemporanee e di livello artistico e culturale non eccelso, appartengono pur sempre all’Olimpo della cultura? Andiamo a vedere come si opera in questo campo e quali sono le iniziative più significative per capire che cosa, nella pratica viene realizzato.  Ad esempio abbiamo visitato un sito di commercio elettronico da poco on line: www.fghi-craftideas.com.

Su FGHI oggetti d’arte e oggetti di artigianato artistico

artigianato artistico e opere d'arteNella variegata offerta di FGHI, tra gioielli e prodotti di arredamento, opere di artigianato artistico per la persona e per la casa, ci sono anche dei quadri, dei vecchi buoni e tradizionali quadri realizzati – con stile realista e figurativo – su tela con pitture a olio. Quanto di più “tradizionale” si possa immaginare, cioè.

Si tratta dell’opera di un’artista barese, Magda Carella, che abbiamo definito “tradizionale” come tipologia di offerta, ma che comunque si ispira al meglio del Novecento figurativo per le sue opere. Magda Carella ha una solida formazione alle spalle (è diplomata all’Accademia) e ha nel suo curriculum una serie di mostre collettive e di esposizioni personali. Un’artista, se non di fama nazionale, con un suo pubblico e una sua visibilità. Ebbene i suoi quadri non sembrano sviliti all’interno dell’offerta del sito, e non fanno vergognare le opere di artigianato artistico, più legate al “fatto a mano” che all’opera d’arte vera e propria. Quadri che hanno ispirazioni qualche volta surrealiste, qualche volte più legate al quotidiano, con un uso del colore leggero e intenso.

Un’offerta dunque articolata e complessa che mette insieme vere e proprie opere d’arte con oggetti di artigianato artistico, espressione del fatto a mano e del made in Italy. Una convivenza che convince perché esalta la creatività italiana.